Sport

Vuelta a España 2019, sesta tappa: Mora de Rubielos-Ares del Maestrat. Arrivo per scattisti, possibile qualche distacco tra i big

Prosegue il nostro cammino di presentazione delle varie tappe della Vuelta a España 2019: siamo giunti alla sesta, da Mora de Rubielos-Ares del Maestrat. 198,9 chilometri molto insidiosi: difficile che ci siano grandi distacchi tra i big, ma potrebbe arrivare qualche attacco. In ogni caso a giocarsi il successo saranno corridori resistenti.

Percorso

Subito due GPM in partenza a rendere il tutto molto più insidioso. La prima salita di giornata, praticamente poco dopo il via, è il Puerto de Nogueruelas: di seconda categoria, non lunghissima (nove chilometri), ma comunque con pendenze superiori al 5%. Si scollina e si approccia subito il Puerto de Linares, più breve, di terza categoria, ma sempre con pendenze non troppo semplici. Momento di calma piatta da lì in poi: oltre 100 chilometri senza difficoltà. Si tornerà a salire a 25 dal traguardo con il Puerto de Culla, un antipasto prima del gran finale. Salita conclusiva al Puerto de Ares: quasi otto chilometri con pendenze che vanno di poco sopra il 6%. Arrivo per scattisti, ma anche i big potranno sfidarsi.

Altimetria




(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});




(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter


Source: Oasport Vuelta a España 2019, sesta tappa: Mora de Rubielos-Ares del Maestrat. Arrivo per scattisti, possibile qualche distacco tra i big