Sport

Sci alpino, Coppa del Mondo 2019: qualche squillo dai giovani, ma l’Italia è poco protagonista ad Adelboden

Si è chiuso un weekend di gare un po’ anonimo per l’Italia in quel di Adelboden. Sia in gigante sia in slalom gli azzurri sono rimasti molto lontano dalle posizioni che contano ed alla fine il miglior risultato è un tredicesimo posto conquistato sia da Luca de Aliprandini sia da Manfred Moelgg. Qualche buona indicazione è arrivata dai giovani, ma è davvero troppo poco per definire positiva la due giorni sulle nevi svizzere.

Sabato è stato il giorno del gigante, dove il migliore degli azzurri è stato Luca de Aliprandini. Una gara quella del nativo di Cles rovinata da una brutta prima manche, nella quale ha realizzato il ventesimo tempo. Nella seconda c’è stata la quasi solita bella rimonta (settimo tempo totale), ma che comunque non è servita per arrivare almeno tra i primi dieci. Purtroppo si conferma il solito problema di continuità per De Aliprandini, che non riesce quasi mai a mettere insieme due manche competitive, classificandosi spesso troppo lontano dalle posizioni che realmente dovrebbe occupare.

Probabilmente la nota più lieta della due giorni ad Adelboden per l’Italia è stata Simon Maurberger. Il 23enne altoatesino centra la qualificazione sia in gigante sia in slalom, dove alla fine ha chiuso rispettivamente al quindicesimo e diciassettesimo posto. E’ stata una due giorni comunque positiva per l’azzurro, che era reduce da grandi prestazioni in Coppa Europa, ed ora questo weekend deve essere la base su cui costruire i risultati futuri. Maurberger nelle prossime gare dovrà confermarsi e soprattutto cominciare a puntare alla top ten.

In slalom sono stati cinque gli azzurri a centrare la qualificazione alla seconda manche. Sia a Riccardo Tonetti sia a Fabian Bacher per aver centrato l’obiettivo nonostante due pettorali molto alti. Qualcosa di più ci si poteva aspettare da Alex Vinatzer, che ha chiuso al ventesimo posto. Un risultato che permette comunque di fare punti, ma il 19enne deve provare a cominciare ad essere maggiormente competitivo. L’obiettivo ora è quello di restare sempre tra i primi quindici con continuità per poi attaccare posizioni ancora più importanti.

 

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Photo DMP


Source: Oasport Sci alpino, Coppa del Mondo 2019: qualche squillo dai giovani, ma l’Italia è poco protagonista ad Adelboden