Tecnologia

Il 5G non ha nulla a che vedere col punto G, nonostante quel che pensano gli italiani

Secondo un’analisi di mercato condotta da Samsung Trend Radar su 1.500 italiani tra i 18 e i 55 anni, nel nostro paese non è proprio chiarissimo cosa sia il 5G. Ben il 73% dei nostri connazionali intervsistari, infatti, lo confonde con il punto G, che come sappiamo ha ben poco a che vedere col futuro standard per la navigazione.

Il sondaggio, comunque, si concentra principalmente su altro, con un’attenzione particolare a ciò che gli italiani si aspettano dagli smartphone del futuro; dall’analisi viene fuori che gli utenti del bel paese vogliono un dispositivo che sia un po’ una “fatina delle fiabe”: tuttofare e pronta ad assistere l’utente in ogni azione. Per avere un’esperienza utente del genere, il 62% degli intervistati non avrebbe problemi a sacrificare la propria privacy, che comunque il 32% sarebbe disposo a cedere, almeno in parte, in cambio di un compenso economico.

Per quel che riguarda le caratteristiche tecniche, gli utenti italiani vogliono uno smartphone più leggero, più maneggevole per permettere di digitare con una mano, e magari anche con un display ampio e pieghevole.

Infine, è interessante notare che ben il 37% degli intervistati si aspetti che l’assistente vocale ci assista anche spontaneamente, senza essere interrogato su una questione specifica, aiutando l’utente a prendere decisioni basate sulle abitudini personali.

L’articolo Il 5G non ha nulla a che vedere col punto G, nonostante quel che pensano gli italiani sembra essere il primo su AndroidWorld.


Source: Android World Il 5G non ha nulla a che vedere col punto G, nonostante quel che pensano gli italiani